home regolamento iscrizione programma articolo miss mondo contatti
 


Dicono che sono uomo: anche tu dici lo stesso?

Siamo arrivati ad un punto ormai che non si può più dare spazio al pregiudizio. La discriminazione è un reato che deve diventare ancora più serio. Oggi, questo reato in Italia viene poco riconosciuto, perchè è un reato che viene preso alla leggera e non prevede una pena seria da pagare da parte di chi lo infrange; per cui vi chiedo: noi membri della società moderna, vogliamo che questo reato sia preso alla leggera o vogliamo che i diritti umani vengono finalmente rispettati?

Oggi non è possibile, ne accettabile essere picchiato solo perché una persona è straniera, gay, lesbica, di colore o transessuale.

Persone come noi non possono essere “giudicate” come individui di poco valore o cittadini di seri “B”. Non possiamo essere definiti addirittura, come nel caso delle transessuali o dei gay, degli esseri “repellenti”. Facciamo parte anche noi della società odierna, ma, soprattutto, siamo esseri umani come lo sei tu che stai leggendo questo articolo in questo momento…

In alcuni Paesi, come l’Iran, ogni giorno, muoiono impiccati ragazzi soltanto perché condannati per essere gay. La vita reclama la sua libertà. Tuttavia, è un paese non coerente in cui la libertà non potrà essere mai paragonata alla democrazia; donne che non possono guidare, donne che non possono uscire di casa senza l’autorizzazione del marito, donne che sono costrette a coprirsi con un velo a causa della loro religione, sono considerate proprietà personali di un essere chiamato “MASCHIO”… Donne che sono vendute!


Fortunatamente, siamo in Occidente e queste cose non esistono, ma dobbiamo lottare per vivere ancora in più libertà e mostrare a questi Paesi “ciechi” che la vita va rispettata in ogni sua forma e dobbiamo anche dire a queste persone che devono smetterla di nascondersi dietro la religione, sia questa Islamica o Cattolica perché la religione è fatta per accogliere i suoi figli, non per allontanarli. Dio o Allah, comunque lo vogliamo chiamare, non vuole vedere la morte di nessuno soltanto perché é straniero, di colore, lesbica o gay, poiché, Dio, in generale, riconosce l’anima e non il sesso.

In questo secolo, non è possibile fare simili differenze. Fate attenzione: il pregiudizio è una malattia, chiamata anche povertà di Spirito.

Curatevi perché la materia umana non può essere sana se lo spirito è malato.

Per questo, io Yasmin Dream mi chiedo: siamo noi i veri malati? Uomini, fatevene una ragione! Vergognatevi quando ferite una donna con certe battute, quando, riuniti tra di voi perché - soltanto quando siete uniti vi sentite onnipotenti, ma quando siete da soli siete solo degli esseri vulnerabili, valorizzate di più il vostro “genitale” e quando pettegolate e ridete di qualcuno, parlategli in faccia e non di dietro. Così possiamo anche noi gridare… Basta!



Yasmin Dream

 


 
 
Miss Mondo Trans Italia